Lavoretti di tecniche varie · Quattro chiacchiere · Schegge di vita · Senza categoria

Quel maaazzoliiin di fioriiii…

Domenica scorsa ho partecipato al secondo raduno del forum che frequento: “Le donne dicono“. Nonostante  per  motivi di impedimenti vari fossimo pochissime (solo 5, me compresa -che vabbé che come mole conto per due, ma come numero sempre una resto 😉 ) è stata un giornata molto divertente. Abbiamo camminato, camminato, camminato, tanto e poi tanto che per un attimo ho creduto che Bologna fosse grande come
New York.  Abbiamo chiacchierato, chiacchierato, chiacchierato del più e del meno fino alla secchezza delle fauci e abbiamo mangiato in un ristorante carinissimo dove oltretutto sono riuscita pure a mantenere la dieta – alleluja, alleluja!
Nel pomeriggio abbiamo fatto un giretto di windows-shopping, abbiamo girato per negozi senza riuscire a comprare nulla e abbiamo trovato ristoro a casa di una delle ragazze, che studia a Bologna ed ha un piccolo appartamentino lì.
Nel tardo pomeriggio siamo ripartite, ognuna per la sua destinazione d’origine, con in tasca un altro bel ricordo da mantenere fino all’anno prossimo, sperando di essere qualcuna in più. E a proposito di ricordi, il mio per loro quest’anno è stato questo, un mazzolino di fiori in feltro, montati su lapis verdi.

Visto dall’alto:

E così ognuna di loro ha potuto scegliere il fiore che le piaceva di più, e che magari terrà sulla scrivania, o nel portamatite, e si ricorderà di quella splendida giornata insieme.

Annunci

16 thoughts on “Quel maaazzoliiin di fioriiii…

  1. Che delizioso bouquet di fiori …. l’ hai fatto Tu @Rossana ??? 🙂
    Se sì …. il mio giudizio ‘sintetico’ è : SMACK …. SMACK …. 😳
    Se invece non fosse un tuo lavoretto, mi pare che la giornata che hai trascorso con queste amiche “POCHE MA BUONE” ….. sia così bella per te e per loro che il mio giudizio non muta …. !!! 😳

    Mi piace

  2. Veramente tenero …. questo tuo “mazzolin di fiori”, cara e brava @Rossana :- ) …. mentre l’ osservo, studiandone i particolari e ripensando alla vostra breve, intensa riunione fra amiche, echeggia dentro di me …. e la canticchio, una vecchia, famosa canzone, che ci riporta ai tempi belli, alle rimpatriate finalizzate allo star bene e alla memoria che unisce …. un mondo che oggi si cela dietro una fretta sciagurata, ed un perdersi amaro e sconosciuto …. che ci fà dimenticare non di rado chi siamo, chi ed a chi vogliamo bene …
    Tristezza …. vai via … ” …. lo voglio dare al mio moretto, questa sera quaaando vièn … ”
    Ti auguro tantissime riunioni e incontri come quello che ci hai appena descritto, @Rossana …. e che già arricchisce la tua, e la nostra, memoria ! 😀
    @Bruno …

    “quel mazzolin di fioriiiiiiiii che vie dalla montagnaaaaaaaaaaaaaaa …..
    e bada ben che non si bagnaaaaa …. che lo voglio rerrrrgaaaaalar …… ” ….

    Mi piace

  3. Infatti è proprio questa vecchia canzone che ha ispirato il titolo del post, e che anch’io canticchiavo fra me e me, mentre confezionavo “quel mazzolin di fiori” 🙂

    ps. i cori degli Alpini sono straordinari.

    Mi piace

  4. Quanto è vero @Rossana …. quello che dici – e provi – quando parli degli @Alpini d’ Italia !
    Tre anni fà, partecipai al loro raduno nazionale, che si tenne in Latina, una città fascista per antonomasia . Ma anche lì, dove pure la maggior parte degli @Alpini avevano parenti ( o nonni o cugini o zii …. ) tutti di destra e destra fascista, giacchè la bonifica dell’ agro pontino avvenne – su imput di @Mussolini ( ed è forse l’ unica cosa buona che costui seppe fare, insieme alla creazione degli Istituti assistenziali …. ) – “con le braccia ed il sudore” ( e con la morte di malaria … ) dei veneti o dei friulani o dei trentini i quali ancora oggi sono grati al @duce per quelle terre ad essi concessi, perfino in quella terra “nera” come poche, i nostri @Alpini d’ Italia, con la loro umanità sciabordante, con il loro senso della Patria “senza retorica di squilli e pennacchi”, con il loro orgoglio di appartenenza ad un’ Italia UNICA ED INDIVISIBILE, seppero esprimere sentimenti etici e umani che tutt’ ora mi commuovono fino alle lacrime : in quelle giornate di canti e bevute con tutti, in quei momenti sacri alla memoria, anche la mia speranza di vedere vincere, su questa barbarie di sentimenti etici che ci affligge, l’ ideale con non ha colore …. se non il bianco, il rosso ed il verde !
    @Rigoni-Stern, che oggi non c’ è più ( ma ci sono i suoi straordinari, indimenticabili Libri … ) era uno di loro, un @Alpino ‘razza piave’ che ci ammoniva sull’ ignominia di distinguere nord-sud … ricordandoci che in trincea, sotto il fuoco dei cannoni e dei bombardamenti, lui vide morire, insieme, uomini del nord e uomini del sud …. tutti uniti nella morte e dalla morte, tutti caduti per quell’ ideale alto …. quel sogno struggente di una Italia nè dominante sugli altri nè dominata dagli altri …. ma di un’ Italia libera ed indivisibile !!!
    @Bruno

    Mi piace

  5. Nel commento, @Rossy, sono saltate alcune parole …. il periodo che avevo battuto, era esattamente questo : “anche la mia speranza di vedere vincere, su questa barbarie di sentimenti etici che ci affligge, l’ ideale con non ha colore …. se non il bianco, il rosso ed il verde, riprese corpo ed ali il sogno !” ….

    Mi piace

  6. Ciao Rossana! Sapessi carissima…..quali ricordi rievochi…con questi fiori di pannolenci!!!
    Te lo spiegherò un’altra volta, perchè ora sono troppo commossa!
    Grazie e a presto!

    Nives

    Mi piace

  7. Eccomi Rossana! Scusami tanto ma sai…l’età!!!!
    Devi sapere che…nei dolcissimi ricordi dell’infanzia, ci sono anche i vestitini che mamma faceva confezionare dalla magliaia, con la lana della “Befana” della Montedison (datore di lavoro di papà).
    Ricordo in particolare, quei tre vestitini rosa corallo, lavorati a “nido d’ape”. Soffici, di tre misure…con tre splendidi mazzetti di fiori di pannolenci, a sinistra dei rispettivi corpetti.
    Evelina aveva 1 anno, Anna 5 anni ed io… 6 anni!!! Conservo ancora la foto….di quel tenero abbraccio, di quelle tre sorelline felici….sul prato di margherite, vicino a casa!

    Pure la canzone ” quel mazzolin di fiori”….mi è tanto cara! Pensa che mi ricorda….nientepopodimeno che….. il mio primo amore!…. Un romantico ragazzo del Corpo degli ALPINI Sul capello portava la piuma e una bellissima stella alpina!

    Grazie Rossana e sempre complimenti per i tuoi carinissimi lavori!
    Grazie anche a Bruno…sempre così appropriato e profondo!
    Auguro a entrambi una felice giornata!

    Nives

    Mi piace

  8. Ross sono conmossa al ricordo di quel bellissimo giorno …rivederti e abbracciarte ha stato bellissimo …io ci tengo moltissimo al mio fiore rosso !!!! tvtb

    Mi piace

    1. Anch’io ricordo con tanto piacere quel raduno. Sai che vi pensavo proprio stasera? Ero a Bologna per un corso e quando sono arrivata alla stazione ho rivisto in galleria il tavolino del bar dove siamo rimaste a bere il cappuccino tutte insieme. Che nostalgia, non vedo l’ora di rincontrarci!

      Mi piace

Stretta la foglia, larga la via, dite la vostra ch'io ho detto la mia...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...