Lavoretti di tecniche varie · Schegge di vita · Senza categoria · W.I.P.

W.I.P:: Recupero di un portaspezie

Tanti tanti anni fa, mio babbo (del quale prima o poi racconterò), costruì per mia mamma un bel portaspezie  in legno di noce massello, col manico lavorato al tornio e 8 bottigliette in vetro giallo. Questo portaspezie ora era molto rovinato, il legno tutto consumato, così ho deciso di “risistemarlo” Mia mamma subito mi ha ammonito: “Guarda, questo portaspezie me l’ha costruito il babbo “con tanto amore”… ” – io già mi sentivo scivolare che avrei dovuto lasciarlo stare, ma lei fa: “… dipingilo, cambiagli colore, facci quello che ti pare, ma mai e poi mai te ne dovrai disfare, neanche dopo che sarò morta, altrimenti vengo a tirarti i piedi, va bene?”  E io intanto pensavo che semmai avessi rovinato quel portaspezie magari i piedi me li veniva a tirare il babbo… in che situazione mi sono messa! Però alla fine, col coraggio che mi contraddistingue :-), decido di procedere.

Ecco come si presentava:

Portaspezie2Nel corso degli anni una boccetta è stata rotta, e non si trovano più in giro….magari se per una qualche combinazione in un mercatino ne ritroverò una uguale mi rifaccio il completo…

E così era l’interno e il manico:

Portaspezie1Dopo una bella scartavetrata ed una passata di impregnante color noce, era venuto talmente bene che la tentazione di lasciarlo così mi ha sfiorato la mente….ma solo per un breve momento, visto che ora come ora sono in un periodo minimal-bianco.

Allora ho proceduto, sempre considerando il rischio di fare un pasticcio…e ho dato due mani di bianco e una di avorio…

Portaspezie3

Prossimamente gli ulteriori sviluppi!

Annunci

23 thoughts on “W.I.P:: Recupero di un portaspezie

  1. Sai, ultimamente sono stata a casa sua (abita ad una ventina di kilometri da me) e stava dipingendo, te li mando via mail vale la pena guardarli…

    Mi piace

  2. In effetti, @Roxy, dopo aver trattato a ‘carta vetrata e impregnante’ il noce massello di quel bell’ ed utile oggetto materno, l’ idea di “passarci la vernice” …. poteva sembrar peregrina, giacchè il noce nostrano, stagionato e sincero, è legno talmente bello e prezioso da non richiedere un simile trattamento !
    Tuttavia, a giudicare dal link …. il colore, opaco mi sembra, che hai ottenuto ed usato crea un’ ottima impressione visiva, e debbo confessarti che mi piace molto ….
    Ora, netta e lucida per bene le “sette” bottigline superstiti, e magari cerca di trovarne una uguale per dimensioni ( non dovrebbe esser difficile …. nè stonerebbe un’ ottava bottiglina “quasi uguale”, la cui diversità avrebbe una ragione storica ) e, soprattutto, riempile di spezie ed offri a tua Madre un bel pranzetto usando questo ‘porta spezie’ tornato a vivere ! 🙂
    Postescritto :
    Donne che …. ehm …. “fumano la pipa” ?!? 😯
    COPIONE !!! :mrgreen:

    Mi piace

  3. Infatti Bruno ero davvero tentata di lasciarlo color noce, ma come dicevo ho voglia di chiaro intorno (penso che rifarò bianche anche tutte le pareti di casa, aripartiiiii!) Per questo poi ho deciso d tentare, pur col timore di rovinarlo e doverlo poi riportare a legno. Il colore è acrilico, opaco, avorio chiaro (la foto è pessima lo ammetto).
    Donne che fumano la pipa…eh si, siamo talmente ambiziose che dopo avervi copiato i pregi dovevamo copiare pure i difetti! 😛

    Mi piace

    1. I “DIFETTI” ?!? 😯
      Fumare la pipa …. lo chiami un difetto ???
      Ommioddio …. speriamo che non ti sentano @Alce Nero, o @Aquilarossa, o @Cavallo Pazzo, o @Toro Seduto …. o tutti gli altri Pellirosse d’ America : ti scalperebbero subito ! 👿
      Ma come ? Fumare la pipa, e passarsela l’ uno con l’ altro, era considerato l’ atto più nobile dell’ ospitalità …. e lo si faceva quando si rinsaldava un’ amicizia, o un’ alleanza, o semplicemente per stare a far “quattro chiacchiere”, ma di saggezza, con amici ….
      Sei …. ehm … una VISOPALLIDA !!! :mrgreen:

      Mi piace

      1. Sarò una visopallida (qualche difetto ce lo devo avere anch’io, poffarbacco!) ma per me il fumare in sé è negativo e malsano, che poi si tratti di sigarette, pipa, sigari o peggio ancora…canne, sempre di fumo si tratta! 😀

        p.s. e poi l’ospitalità degli indiani è fin troppo esagerata visto che, correggimi se sbaglio, offrivano all’ospite pure una notte con la loro figlia… 😯

        Mi piace

  4. Sì …. ti correggo volentieri : è una balla !
    Vero invece che, quando si presentavano pretendenti che aspiravano a sposare le giovinette più ambite, i padri vagliavano le offerte ( e cioè ….. i cavalli, i manufatti artigianali …. ) migliori ! 🙂
    La pipa, mia bella toscana, NON va rapportata alle sigarette et similia, ed il fumarla è cosa antichissima ed appassionante !!! 😀

    Mi piace

  5. Tiè …. e bada bene : ti sto passando, non un “pezzo di legnaccio” ( di cui al link “Donne che fumano la pipa” ), bensì una Castello originale ante 1984 ( quando ancora viveva il grande @Guidi, che scelse nel 1949 questo ‘logo’, innovando completamente il mondo della pipa, lavorando ‘a mano’ esclusivamente radica di erica della macchia mediterranea “italiana”, e creando il boccaglio di metacrillato, un materiale inerte ‘che resta sempre nero lucido’ anzichè di orrida ‘ebanite’ come usavano gli inglesi, ebanite che tenendosi in bocca si masticava e poi, col calore, diveniva ‘grigio-verdastra’ da nera che era, quando la pipa era nuova, ed infine ‘buttando al secchio delle immondizie’ il filtro metallico applicato al boccaglio che, nelle intenzioni, doveva filtrare il fumo, ma che in realtà @Guidi dimostrò che non serviva ad un cacchio …. ), modello “sea rock” sabbiata nera, con anello d’ argento recante inciso il loro ‘castello’, nella quale ti ho acceso una mia miscela di tabacco ottenuta mischiando 50 gr. di Erinmore ( irlandese, tabacco medio all’ ananas, profumato e fresco ) + 50 gr, di Amphora reach aroma + 50 gr. di Amphora full aroma …. una delizia !!! 😀

    Mi piace

    1. Cough, cough! Ti ringrazio per avermi offerto quella che sulla carta sembra una vera meraviglia del Creato, ma decisamente il fumo di alcunché non mi si adatta…che dici, posso “ciucciarla” spenta e vuota…giusto per il significato simbolico? 😀

      Mi piace

  6. Certo che puoi !!!
    E poichè sai benissimo quale emozione ci nasca dentro, quando teniamo in mano un “pregiato oggetto di artigianato”, quale indubbiamente è una PIPA @CASTELLO …. notissima in tutto il mondo ( e perfino quotata in Borsa ), anche senza fumarla …. è un piacere toccarla e osservarla nei minimi particolari ! 😀

    Mi piace

    1. Bravissima !!!
      Ovviamente …. la nostra @PennelliRibelli, ma anche …. ehm …. chi ne colga l’ operosa fatica di “far resuscitare” gli oggetti abbellendoli e l’ apprezzi ! 😀

      Mi piace

Stretta la foglia, larga la via, dite la vostra ch'io ho detto la mia...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...