Quattro chiacchiere · Saluti e auguri · Senza categoria

Festa della mamma: vademecum per ragazzi

Festa mamma
(immagine dal web)

Grazie a Facebook nessun figlio ormai ha più la scusa di non ricordare che giorno è oggi.
Quello che i figli sembrano non avere ancora capito è che le mamme, nonostante tutte le abilità che imparano nel corso degli anni e nonostante l’impegno che ci mettono, non sono ancora in grado di leggere il pensiero.

Lo dico a pro delle mamme, perché in futuro possano riuscire ad accaparrarsi, oltre agli auguri, anche una seppur minima dimostrazione di affetto.

Ossignore! Affetto? Che parola sconosciuta… Eh si, sconosciuta per la maggior parte dei ragazzi, che rifuggono come la peste nera ogni qualsivoglia esternazione di emozioni al di fuori della rabbia (oh, con quella gli riesce parecchio bene 😉 ) Cercare di dare loro un bacio è un affronto alla loro integrità psicofisica, si rischia grosso.

Ragazzi, l’affetto non fa venire brufoli né altre malattie.
Se – come credo –  volete bene alla vostra mamma, abbracciatela quando meno se lo aspetta (non se lo aspetta mai, ve lo posso assicurare) e sussurratele in un orecchio quelle quattro parole che proprio stentano ad uscirvi di bocca “Ti voglio bene, mamma”

E’ probabile che la vedrete con gli occhi lucidi. Di emozione, stavolta.

E se proprio vi vergognate fatelo di nascosto. Ma fatelo, che sotto sotto farà bene anche a voi.

AUGURI MAMME!

 

Saluti e auguri · Senza categoria

Buon Anno Nuovo!

felice-anno-nuovo-2017-capodanno16

Vi auguro un 2017 pieno di tutto ciò che desiderate, spero che i vostri buoni propositi si realizzino e che possiate sognare sempre in grande. E soprattutto, mettete questa citazione bene in vista e leggetela ogni mattina, soprattutto nelle giornate “no”

” Non lasciare che niente ti scoraggi, in fondo anche un calcio in culo ti spinge in avanti”

 BUON ANNO A TUTTI!

p.s. E come ripeto ogni anno…

nobotti

Saluti e auguri · Senza categoria

AUGURI MAMME!

FB_IMG_1462217627352 (1)
(Foto dal web)

Mi ha molto colpito questa storia di amore materno che risale al 1996, ma che ho letto solo recentemente.
Scarlett, una gatta che viveva in un garage insieme ai suoi cuccioli fu messa a dura prova quando in quel garage divampò un incendio. Mentre i vigili del fuoco cercavano di domarlo lei si gettò fra le fiamme per cinque volte, portando fuori i suoi cuccioli uno ad uno. Solo quando tutti furono in salvo, e quando ormai i suoi occhi erano ridotti a vesciche, svenne stremata. Ci vollero tre mesi di terapia intensiva per farla guarire.

Brava Scarlett, Mamma con la M maiuscola.

Scarlett
(Foto dal web)